Velocizzare firefox

Firefox implementa delle funzioni nascoste sbloccabili inserendo dei comandi della barra degli indirizzi. Quelli che andrò ad elencare li ho provati su firefox 3 quindi non è garantito il loro funzionamento su versioni precedenti alla 3.

Velocità (connessione adsl).
Digitare about:config nella barra degl’indirizzi e portare

* network.http.max-connections a 96
* network.http.max-connections-per-server a 32
* network.http.max-persistent-connections-per-server a 8
* network.http.pipelining false a true
* network.http.proxy.pipelining false a true
* network.http.pipelining.maxrequests a 8
* network.http.pipelining.ssl false a true
* truenetwork.http.proxy.pipelining false a true

Comodità e personalizzazione.

* Per copiare il contenuto copiato altrove in firefox con il bottone centrale del mouse settare a true “middlemouse.paste”.
* Per chiudere tutte le schede con un bottone portare a 3 “browser.tabs.closeButtons”.
* Per vedere il codice sorgente della pagina in un editor esterno mettere true in “view_source.editor.external” e la path in “view_source.editor.path”, la path potrebbe essere ad esempio: “C:ProgrammiNotepad++notepadd++.exe”.
* Per vedere i risultati di una nuova ricerca in una nuova finestra settare a true “browser.search.openintab” (dalla barra di ricerca non in quella dell’indirizzi).

Altri personalizzazioni ne ho messe in giro per il blog e molte altre personalizzazioni si possono fare con i plugin per firefox.

E per finire questi sono gli ” Easter Eggs ” o pagine segrete di firefox.
Digitare nella barra dell’indirizzi:

* about: per vedere la versione di firefox.
* about:config per accedere ai parametri della configurazione di firefox.
* about:cache per vedere cos’ha in cache di firefox.
* about:plugins mostra i plugin installati in firefox.
* about:mozilla mostra una frase inventata però molto realistica, il libro di mozilla non esiste.
* about:robots mostra le leggi fondamentali della robotica.

Velocizzare firefoxultima modifica: 2010-02-07T16:15:14+01:00da systemonfire
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento